La vi­sione

Costruire un futurososteni­bile

L’umanità sta vivendo una fase di squilibrio radicale. Per questo, se oggi si vuole reagire, non servono soluzioni di superficie: non è più possibile innovare lasciando inalterato il modello. C’è, invece, più che mai bisogno di paradigmi inediti. Un nuovo modo di pensare e agire insieme, che coniughi responsabilità individuale e collettiva e promuova pratiche capaci di rispondere ai bisogni concreti di comunità umane in rapida e costante trasformazione.

Per realizzare questo nuovo paradigma, Accademia Unidee dà spazio e opportunità a una generazione che condivida una cultura di equilibrio tra natura e artificio umano. Forma giovani in grado di ascoltare il presente e creare il futuro. Uomini e donne che si prendano cura del mondo e siano felici.

C’è un simbolo che racchiude tutto questo: il Terzo Paradiso. Rappresenta la connessione equilibrata tra il primo Paradiso, la natura, e il secondo Paradiso, l’artificio, frutto del pensiero dell’uomo, della scienza e della tecnologia. Ricorda il segno matematico dell’infinito, ma con tre cerchi consecutivi: gli esterni rappresentano le diversità, le antinomie. Quello centrale la compenetrazione fra gli opposti.

Ed è proprio lì – nella sintesi, nell’ascolto, nell’inclusione, nel rispetto delle differenze – che trova spazio il cantiere dove, da sempre, l’umanità rinnova se stessa.

Il Terzo Paradiso è alla base di centinaia di pratiche in tutto il mondo. Le sue applicazioni rispondono a bisogni, urgenze e sfide che vanno dalla sostenibilità ambientale all’inclusione sociale, dalla sfida energetica alla crisi demografica, dalla moda sostenibile al cambiamento climatico, dall’agricoltura della conservazione alla rigenerazione dei suoli, in breve alla costante ricerca di armonia dinamica e equilibrio sostenibile in tutti gli aspetti della nostra vita.

Queste pratiche coinvolgono associazioni, istituzioni e aziende, creano reti di agenti collaboranti e dialoganti e sono alla base di numerosi progetti che hanno, come obiettivo, un cambiamento sistemico. Gruppi e realtà che costituiscono il piccolo universo in espansione entro cui si muovono Accademia Unidee, la sua comunità di studenti e i suoi docenti.

Accademia Unidee assume l’Arte come motore fondamentale del cambiamento.

L’artista basa ogni sua azione nel mondo su una piena autonomia conquistata, negli anni, dall’arte moderna. Guarda la realtà con gli occhi del futuro e non si accontenta di interpretazioni comuni. Sa ascoltare e mettersi in discussione. Ma soprattutto, l’artista interpreta l’autonomia come responsabilità: è libero nel determinare le ragioni delle proprie scelte, ma di esse rende conto a sé e agli altri.

Nel suo percorso, lo studente fa sua questa responsabilità d’artista e impara ad applicarla negli studi e in ogni campo e organizzazione in cui, in futuro, svolgerà una professione e realizzerà dei progetti.

La didattica di Accademia Unidee è in continuo sviluppo e ascolto delle più avanzate pratiche di condivisione dell’apprendimento.

Segue un approccio interdisciplinare, basato sull’esperienza diretta, sulla collaborazione, sulla formazione teorico-critica e sulla pratica.

In compagnia di studiosi e professionisti, gli studenti acquisiscono conoscenze studiando e approfondendo determinate discipline. Allo stesso tempo, sperimentano tecniche, strumenti e metodologie – trasversali a tutte le discipline – necessari per affrontare efficacemente le sfide nei tre ambiti della sostenibilità: sociale, ambientale ed economica.

Tutti i contenuti in Accademia Unidee sono organizzati in tre Aree Tematiche: Studi Culturali e Tecnica; Arte, Design e Scienze Umane ed Economia e Intrapresa.

Accademia Unidee è un laboratorio dove gli studenti gettano le basi di quel che realizzeranno una volta diplomati. Aziende, organizzazioni no profit e associazioni, oggi, hanno bisogno di professionisti versatili: uomini e donne capaci di acquisire conoscenze costantemente, di aprirsi alle novità, di leggere situazioni complesse, di tenere conto di voci eterogenee e divergenti e, soprattutto, di creare connettendo in modi inediti elementi già esistenti. Di generare innovazione ed equilibrio insieme in ogni campo: dal design al management, dalla finanza al terzo settore, dalle filiere agroalimentari alla moda sostenibile.

Ad Accademia Unidee, studenti e docenti fanno esperienza di Idee e di Pratiche: le Idee sono i grandi temi, le teorie e le domande che la contemporaneità pone a ogni soggetto oggi attivo e in ascolto; le Pratiche sono le azioni concrete realizzate in ogni ambito. Le une non prevalgono, né hanno precedenza, sulle altre. Perché Idee e Pratiche esistono allo stesso tempo, e costantemente, e sono in rapporto di mutuo nutrimento.

Imparando a fare, e a imparare, sempre attraverso il pensiero, ogni giorno studenti e docenti performano l’apprendimento. Non nel senso di dare spettacolo o prova di sé raggiungendo obiettivi, ma in quello più antico di dare forma e mettere in azione ogni insegnamento, tenendo insieme teoria e pratica.

 

Il Terzo Paradiso porta ognuno ad assumere una personale responsabilità nella visione globale. Il termine paradiso deriva dall’antica lingua persiana e significa “giardino protetto”. Noi siamo i giardinieri che devono proteggere questo pianeta e curare la società umana che lo abita.

 

Accademia Unidee nasce dall’esperienza della Fondazione Pistoletto e dai suoi programmi formativi. Michelangelo Pistoletto, uno dei più importanti artisti contemporanei, ne è l’ispiratore.
Dal suo lavoro ha preso forma un progetto e una proposta per costruire un futuro sostenibile, una visione di un possibile equilibrio tra l’artificio e la natura.

Il simbolo di Accademia Unidee è il Terzo Paradiso, riconosciuto in tutto il mondo, da Parigi a Singapore, passando per Cuba.

È tratto del progetto che Fondazione Pistoletto sviluppa dal 2004 e che è stato lanciato pubblicamente da Michelangelo Pistoletto all’Università di Torino in occasione della laurea honoris causa in Scienze Politiche.

Il Terzo Paradiso è un progetto collaborativo e una proposta per costruire un futuro sostenibile, laico, interculturale. Il simbolo e i valori di questo progetto sono rappresentati nel mondo da oltre 180 “ambasciatori” che interpretano in modi diversi, liberi e appropriati al proprio territorio il modello di prosperità sostenibile che si promuove.

Tra le proprie linee guida l’Accademia pone i 17 obiettivi dell’ONU, contenuti nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile:

  1. Sconfiggere la povertà
  2. Eliminare la fame
  3. Diritto alla salute per tutti
  4. Diritto all’istruzione per tutti
  5. Parità di genere
  6. Accesso all’acqua potabile per tutti
  7. Energia sostenibile
  8. Lavoro dignitoso e crescita economica duratura
  9. Relazione virtuosa tra industrializzazione, infrastrutture e innovazione
  10. Ridurre le disuguaglianze
  11. Città e comunità più sostenibili e inclusive
  12. Consumo e produzione responsabili
  13. Contrastare i cambiamenti climatici
  14. Tutelare la vita marina
  15. Tutelare la vita sulla terraferma
  16. Garantire pace e giustizia
  17. Incoraggiare la collaborazione internazionale al fine di raggiungere i diversi obiettivi